IL BLOG

Il blog di Trasformazione News si colloca in un ambito al servizio dei lettori. Con informazioni e consigli per una "trasform-azione" e quindi crescita personale all'insegna dell'informazione. Ciò che é crescita personale é capacità critica e autocritica, é acquisizione di modelli di comportamento da interiorizzare, personalizzare e mettere in pratica. Il blog di Trasformazione News vuole essere, senza pretese, uno strumento per i lettori in un rapporto senza censure. Saranno bene accetti consigli, critiche, commenti, partecipazioni attive per un confronto finalizzato allo scambio, quindi al miglioramento ed alla crescita. Buona navigazione!

Tiziana Scuderi

(Staff di Trasformazione News)

sabato 7 settembre 2013

PRIMA CHIAVE DELLA FELICITA’



PRIMA CHIAVE DELLA FELICITA’:
·   PRENDERE CONSAPEVOLEZZA DEL PROPRIO CORPO CONNETTE AL CAMPO DELLE POSSIBILITA’ INFINITE.

Il nostro corpo e l’Universo sono un unico campo di energia, di informazione e coscienza.
Il corpo è collegato alla mente e crea assieme a lei quello stato chiamato felicità.
Se il nostro corpo risponde al nostro dubbio sull’intraprendere una data azione con un segnale di disagio, fisico o emotivo, è il caso di fermarci.
Se invece ci invia un segnale di benessere e desiderio allora possiamo procedere.
Mente e corpo formano un unico “campo”. Non esiste pensiero, sensazione o emozione che non abbia una corrispettiva reazione fisica. Così come la mente e le  cellule del nostro corpo risentono positivamente di ogni esperienza spirituale.
Mente, corpo e spirito appaiono separati, mentre in realtà non lo sono, per mancanza di consapevolezza.
La consapevolezza ha l’enorme potere di raggiungere ogni singola cellula dell’organismo e regolarne le innumerevoli interazioni.
Quando riceviamo amore la nostra mente comprende di essere amata e rimanda al nostro corpo sensazioni di benessere che riempiono l’essere nella sua totalità.
Quando mente e corpo sono in armonia, il risultato è la felicità.
Se l’armonia manca proviamo disagio, dolore, depressione, ansia e malattia.
La tristezza è una forma di feedback che ci segnala disarmonia.
I problemi psicologici hanno un corrispettivo organico. Rabbia, depressione, nevrosi, ostilità e ansia generalizzata sono disagi di natura psicologica che hanno una correlazione fisica nel cervello che, attraverso il sistema nervoso centrale, trasmette il problema ad ogni cellula dell’organismo.
La consapevolezza non è un pensiero: una madre è consapevole dello stato d’animo del proprio figlio senza bisogno di formulare un pensiero razionale.
La consapevolezza è intuitiva, per attivarla basta esercitare l’attenzione.
Non prestare la dovuta attenzione al proprio organismo è come trascurare un bambino.
Nel corpo il cambiamento avviene costantemente e profondamente, perfino a livello genetico in tutto il percorso della nostra vita.
Si può avere una crescita, sviluppo, evoluzione o decadenza, deperimento, disturbi fisiologici. Dipende tutto dalla quantità di  attenzione che si dedica alla propria sfera fisica.
Sono tre le qualità che contribuiscono in maniera particolarmente significativa alla felicità: l’intelligenza, la creatività, il potere.
L’intelligenza è la prima e permette di prendere decisioni che portano alla realizzazione, che è, a sua volta, il risultato di pensieri giusti, di emozioni e azioni giuste.
Ciascuno di questi aspetti coinvolge il corpo: quando si è consapevoli del corpo e di ciò che ci comunica, questa intelligenza cresce in modo esponenziale.
I ritmi biologici sono la sinfonia dell’universo intero. Ecco perché si chiama universo: “un verso”, “un canto”!
La seconda qualità del campo è la creatività che rinnova e rinfresca il flusso vitale, sconfigge l’indolenza, allontana l’abitudine.
Il corpo si dimostra al massimo grado flessibile e capace di adattarsi alle novità.
La sua flessibilità non è meccanica: l’adattamento del corpo è creativo.
La creatività è osservabile nel pensiero e nella parola.
La terza qualità del campo è il potere, che non significa aggressività.
Il potere è una forza che organizza migliaia di miliardi di cellule in un singolo organismo, che lo difende da virus e batteri e ne monitora lo stato di salute.
Prendere coscienza del proprio corpo libera intelligenza, creatività e potere.
Se la consapevolezza si ritrae perché si è distratti, depressi, inquieti, infelici o ansiosi, il flusso di intelligenza, creatività e potere si interrompe.
Uno dei metodi basilari per diventare consapevoli è radicarsi nel corpo.
Sintonizzandosi sulle sensazioni che provengono dal proprio corpo, quando, ad esempio, ci si sente distratti, turbati, stressati o incupiti, un respiro profondo è un sistema molto semplice per ritornare alla consapevolezza corporea.
Il diniego delle difficoltà è una forma di fuga. L’eccessivo attaccamento al lavoro, con cui si tenta di distrarsi dai problemi, è una forma di fuga. L’uso di farmaci, droghe o alcolici è una forma di fuga. Scappatoie che hanno in comune l’assenza di consapevolezza. Ci si estranea perché si crede che se si è troppo consapevoli si soffre di più.
In realtà è vero il contrario: la consapevolezza guarisce, essendo una condizione di integrità, e fondamentalmente la guarigione non è altro che un ritorno all’integrità.
Quando la sfera fisica è nello stato naturale di integrità, si sperimenta la felicità. La coscienza è appagata perché ogni cellula dell’organismo sperimenta uno stato di gioia e di benessere. In questo stato dell’essere il corpo guarisce semplicemente conoscendo se stesso.

(Liberamente tratto da “ Le 7 chiavi della felicità” di Deepak Chopra)






Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...